I Luoghi della Musica

Lunedì 19 novembre, Accademia di Scienze Lettere e Arti ore 21

I LUOGHI DELLA MUSICA

le Architetture di Orfeo

con Francesco Amendolagine, Claudia Caffagni e Michele Moserle,

presenta Carlo Vitali

 

Si affronteranno alcuni momenti storicamente privilegiati in cui la musica e l’architettura si sono oggettivamente intrecciate, in particolare all’interno di famose opere architettoniche veneziane. L’avventura architettonica del Sansovino inserisce il doppio coro nello spazio privilegiato della musica a Venezia, la Basilica di San Marco, come atto che testimonia la renovatio musicae attuata con l’arrivo, fortemente voluto dal doge Andrea Grit-ti, del maestro fiammingo Adrian Willaert. Luigi XIV, il “re Sole”, pretese che l’architettura che avrebbe lasciato ai posteri fosse segnata anche da un suo ordine, l’ordo gallicus. Anche se il desiderio reale portò ad un fallimento, la ricerca d’archivio ha permesso di riesumare gli strumenti architettonici e musicali con cui un insigne musicista dell’epoca, René Ouvrard, partecipò al concorso bandito. Il circolo ricattiano (nobili veneti) tentò di instaurare un rapporto tra musica e architettura, sia sul versante progettuale sia su quello matematico. Il Teatro La Fenice di Venezia, è considerato paradigma del teatro lirico nell’Ottocento, come sapiente strumento abitato per il trionfo del bel canto italiano.