Festival Grandezze e Meraviglie 2017 – Concerto @Modena, Chiesa di San Carlo – 5 ottobre 2017

Giovedì 5 ottobre MODENA ore 21

Chiesa di San Carlo

LA SUSANNA

Oratorio in musica di Alessandro Stradella (Modena, 1681)

Andrea De Carlo direzione

Stradella Y-Project

SUSANNA Cansın Nehir Gündüz soprano 

TESTO Candida Guida contralto

1° GIUDICE Mateusz Drozda basso

2° GIUDICE Roberto Mattioni tenore

DANIELE Sofie Garcia soprano

 Guillaume Bernardi mise en espace

 

Puoi acquistare il biglietto del concerto direttamente online da qui

 

Secondo la tradizione consolidata con lo Stradella Festival di Nepi (cittadina natale del compositore), anche in questa edizione del Festival torna lo Stradella Young Project con una nuova produzione, in collaborazione con diverse istituzioni concertistiche italiane. Stradella era così apprezzato da Francesco II d’Este al punto che il principe, dopo l’assassinio del giovane musicista, acquisì il maggior numero possibile di sue partiture, che ora sono conservate alla Biblioteca Estense e costituiscono oltre la metà della sua musica conosciuta. La vicenda narra la storia biblica della bella Susanna che a Babilonia è insidiata da due Israeliti designati al governo, i quali scoperti, accusano Susanna di averli provocati. Si salverà dalla lapidazione per l’intervento di Daniele, che poi diventerà profeta. La collaborazione con il Festival di Nepi costituisce un aspetto qualificante per entrambi i partner principali. Un altro elemento importante è il coinvolgimento di giovani professionisti che possono impiegare il giusto tempo per la preparazione dello spettacolo, che va in scena a memoria e con mise en espace a cura di Guillaume Bernardi.

 

STRADELLA Y-PROJECT nasce nel 2011 in seno al Conservatorio A. Casella dell’Aquila con lo scopo di avvicinare giovani cantanti e strumentisti alla musica di questo grande compositore nato a Nepi nel 1639. Il suo linguaggio originale e innovativo che partendo dal contrappunto rinascimentale si pro- ietta in avanti abbracciando tre secoli di stile, è un utile strumento didattico e un ponte ef cace tra l’esperienza formativa e quella professionale. In questi primi anni ha dato vita a cinque produzioni diverse, spesso prime mondiali assolute, grazie anche alla collaborazione con importanti istituzioni musicali italiane ed estere: oltre al Conservatorio A. Casella de L’Aquila il Centre de Musique Baroque de Versailles CMBV, il Centro di Musica Antica della Pietà dei Turchini di Napoli il Festival Internazionale Alessandro Stradella di Nepi (VT), il Festival Grandezze & Meraviglie di Modena, l’Accademia di Belle Arti di Roma, il Teatro Torlonia di Roma, la Società di Concerti Barattelli di L’Aquila, l’Accademia di Arte Lirica di Osimo, la York University di Toronto.

ANDREA DE CARLO
Nato a Roma, comincia la sua carriera musicale come contrabbassista di jazz, collaborando con mu- sicisti di fama internazionale e registrando diversi cd. Avvicinatosi in seguito alla musica classica, svolge per molti anni un’intensa attività concertistica in tutto il mondo collaborando in qualità di primo contrabbasso con importanti enti lirici e sinfonici quali il Teatro Massimo di Palermo, l’Or- chestra Regionale Toscana e l’Orchestra Regionale del Lazio. Parallelamente agli studi musicali si laurea in Fisica con il massimo di voti presso l’Università «La Sapienza» di Roma. Nel 2005 crea l’Ensemble Mare Nostrum, con cui incide nel 2006 un’originale orchestrazione dell’Orgelbuchlein di J.S.Bach per la MA Recordings (USA) che riceve il Diapason d’Or “Decouverte” (maggio 2011), e nel 2009 una raccolta di polifonia francese per la casa discogra ca Ricercar premiata con 5 Diapason dalla rivista francese Diapason e con il Coup de Coeur 2010 dell’Academie Charles Cros di Parigi. Nel 2012 pubblica un Cd di Madrigali e musica strumentale romana del ’600 per Ricercar e un Cd di musiche spagnole e messicane per Alpha. Nel 2013 un Cd di cantate inedite di Marco Marazzoli per ARCANA (Italia) inaugura un progetto sulla musica romana che sfocerà con la creazione della col- lana Roma InAeditA, dedicata ai tesori nascosti della musica romana e in particolare ad Alessandro Stradella (ultima uscita: Santa Editta, 2016). Nel 2013 crea il Festival Internazionale Alessandro Stradella a Nepi (VT), di cui è direttore artistico, base del progetto discogra co The Stradella Project. Per la MA Recordings (USA) ha registrato come solista un cd di Suites per Viola da Gamba di Marin Marais (2005). Dal 2007 insegna Viola da Gamba presso il Conservatorio “A.Casella” de L’Aquila.

 

Leave a Comment